21 giugno 2018
ore 01:02
Home Cronaca Toscana. Neri e Biffoni (ANCI) chiedono l’attuazione della legge regionale sul gioco

Toscana. Neri e Biffoni (ANCI) chiedono l’attuazione della legge regionale sul gioco

SHARE
Toscana. Neri e Biffoni (ANCI) chiedono l’attuazione della legge regionale sul gioco

Simona Neri, delegata ANCI Toscana per i progetti di contrasto al GAP e il Presidente di Anci Toscana Matteo Biffoni hanno inviato una lettera alla Regione Toscana, all’attenzione dell’Assessore di competenza, della Commissione Sanità e dell’Osservatorio Regionale.

Nell’esprimere soddisfazione per la recente pubblicazione della legge regionale sulla prevenzione e sul contrasto delle dipendenze da gioco d’azzardo patologico, la Neri e Biffoni hanno chiesto di avviare l’iter di attuazione delle norme che disciplinano il tema della formazione obbligatoria.
La giunta ha infatti la competenza per disciplinare i corsi di formazione obbligatori per i gestori di centri di scommesse e di spazi per il gioco con vincita in denaro nonché per il personale che vi lavora, definendone i tempi, i soggetti attuatori, i relativi costi e le modalità di organizzazione.
“Il tema della formazione per il contrasto allo sviluppo della patologia da gioco d’azzardo – ha detto Simona Neri – è già presente nella legislatura di alcune Regioni Italiane. Vista la complessità dell’argomento si ritiene che si debba rapidamente avviare l’iter che porterà alla regolamentazione attuativa dell’art. 7 della Legge appena approvata, in modo che si apra una fase di consultazione con gli operatori sanitari, gli Enti Locali ed il mondo dell’associazionismo e delle categorie economiche, per ricevere contributi sul merito. Stiamo facendo dei grossi passo avanti – ha aggiunto – ma la formazione e la sensibilizzazione rimangono le parole chiave per rendere consapevoli ed informati giovani e meno giovani sui rischi dovuti al gioco”.

PressGiochi

banner

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN