23 agosto 2017
ore 23:08
Home In evidenza Snaitech: rischio marginale per il gruppo legato al mancato rinnovo delle concessioni scommesse

Snaitech: rischio marginale per il gruppo legato al mancato rinnovo delle concessioni scommesse

SHARE
Snaitech: rischio marginale per il gruppo legato al mancato rinnovo delle concessioni scommesse

Manovrina: sotto la pressione del nuovo aumento del preu le concessionarie quotate in Borsa vedono altalenare i propri titoli

Palese (AGCAI): “Questo governo fedele alle multinazionali intende qualificare le VLT e renderle intoccabili dai comuni”

In questi giorni il Gruppo Snaitech ha pubblicato i risultati del primo trimestre 2017 secondo i quali il concessionario ha realizzato una raccolta pari a 2,7 miliardi di euro, in flessione del 3,2% rispetto ai 2,8 miliardi di euro raggiunti nel pari periodo 2016.

 

 

Nel documento, il Gruppo riflette sui rischi derivanti dal mancato rinnovo delle concessioni per la rete dei punti di vendita scommesse scadute il 30 giugno 2016. Gli amministratori ritengono che il rischio legato ad un mancato rinnovo delle concessioni sia da ritenersi marginale e comunque tale da non compromettere la capacità della Società di generare flussi di cassa sufficienti a garantire gli impegni presi.

 

 

L’incertezza cui il Gruppo potrebbe essere esposto a causa del mancato rinnovo è rappresentata: dalla conseguente perdita di flussi finanziari in entrata, riduzione della marginalità e impossibilità di sostenere l’indebitamento finanziario; rischio finanziario legato alla necessità di un esborso elevato in fase di gara per il rinnovo delle concessioni con il venir meno della sostenibilità dell’indebitamento finanziario.

 

Si evidenzia come sulla base dei dati di mercato disponibili, il numero di diritti in assegnazione risulti superiore al numero dei negozi e punti scommesse attualmente attivi sul territorio italiano:

la rete di vendita censita da ADM, infatti, consta a marzo 2017 di 4.092 corner sportivi e di 5.638 negozi sportivi (inclusi 2.518 CTD regolarizzati), a fronte rispettivamente di 5.000 e 10.000 diritti messi a gara. A latere della rete dei punti di vendita autorizzati da ADM, vanno inoltre considerate le agenzie scommesse collegate a bookmaker esteri non dotati di Concessione (c.d. CTD) e censiti in circa 4.800 unità, di cui oltre 2.500 risultano essersi regolarizzati al 31 dicembre 2016, nella Relazione Tecnica a supporto della Legge di Stabilità 2016, presentata al Senato il 25 ottobre 2015. Anche nello scenario di una massiccia regolarizzazione e successiva partecipazione al bando di questi soggetti, ipotesi attualmente non suffragata da evidenze di adesione alla sanatoria in corso, il numero dei diritti offerti dalla gara risulterebbe verosimilmente superiore alla potenziale domanda pertanto l’impegno finanziario previsto dovrebbe essere tale da non avere ripercussioni negative sulla sostenibilità dell’indebitamento finanziario del Gruppo.

 

 

Scommesse –  Nel comparto delle scommesse sportive la raccolta totale del Gruppo sul canale fisico nel primo trimestre del 2017 ha registrato una crescita del 2,9% passando da 191 milioni di euro nel 2016 a 196 milioni di euro nel 2017, incremento dovuto al maggiore livello di payout ed alle attività di ottimizzazione della rete e di prodotto. I primi tre mesi del 2017 hanno registrato un payout (entità percentuale delle vincite pagate agli scommettitori rispetto al movimento di gioco raccolto) sulle scommesse sportive, pari al 86,8% rispetto al 79,9% dell’analogo periodo del 2016. Calano rispetto al 2016 le scommesse a base ippica (50 milioni di euro, -15,6% rispetto al 2016) e quelle sugli eventi virtuali (69 milioni di euro, -12,1% rispetto al 2016).

 

Slot machine e videolotterie – Nel comparto delle Gaming Machines, Snaitech è il secondo più importante operatore di mercato con una market share del 14,7%. Il Gruppo, al 31 marzo 2017, ha in carico 59.313 nulla osta di esercizio AWP, ubicati in circa 14.781 esercizi sul territorio, ed è titolare di 10.378 diritti per l’esercizio della raccolta mediante VLTs, di cui 9.989 installate in 1.258 locali. I volumi di raccolta del Gruppo nel comparto delle Gaming Machines sono complessivamente in calo rispetto a quelli dell’anno precedente, passando da 1.965 milioni di euro a 1.827 milioni di euro (-7,0%). Tale risultato è da imputarsi principalmente all’inasprimento delle normative territoriali sulle distanze e sugli orari e per le AWP all’abbassamento del livello minimo di payout da 74% a 70% avvenuto nel corso del 2016. In dettaglio, le VLT nel primo trimestre hanno raccolto 899 milioni di euro (-2,1% rispetto al 2016) e le AWP 929 milioni di euro (-11,3% rispetto al 2016).

 

Giochi online –  Il Gruppo nel segmento Online, rappresentato da Scommesse e Games (Bingo, giochi di carte in modalità Torneo e Cash, giochi da Casinò e Slot Online), ha raccolto nel corso dei primi tre mesi del 2017 392 milioni di euro contro i 312 milioni di euro del 2016 (+25,6%). La crescita della raccolta, sia nel comparto delle Scommesse (+35,3%) sia in quello dei Games (+22,3%), è prevalentemente riconducibile all’ampliamento della gamma dei prodotti offerti e all’attività di cross-selling sul canale fisico. La quota di mercato su questo segmento, pur in presenza di una crescente pressione competitiva, è pari al 6,3%. Nel primo trimestre del 2017 le Scommesse Online hanno registrato un payout pari al 89,1% rispetto all’86% del pari periodo 2016.

 

 

Ricavi – I ricavi totali di Gruppo mostrano un incremento del 3,3%, passando da 220,2 milioni di euro del primo trimestre 2016 a 227,4 milioni di euro nel 2017, da attribuirsi principalmente al minor payout delle AWPs e alle positive dinamiche registrate dal canale Online, parzialmente controbilanciato dall’impatto negativo derivante dal payout delle scommesse sportive.

 

L’EBITDA del primo trimestre 2017, pari a 28,3 milioni di euro, registra una flessione del 26,9% rispetto al pari periodo del 2016: tale risultato è prevalentemente riconducibile al payout sfavorevole registrato dalle scommesse sportive, parzialmente compensato dalla buona performance operativa registrata nel settore Online.

 

L’EBIT del Gruppo nel primo trimestre 2017 è positivo per 14,2 milioni di euro rispetto ai 20 milioni di euro registrati nei primi tre mesi del precedente esercizio. Il risultato ante imposte del primo trimestre 2017, positivo per 4,6 milioni di euro, registra uno scostamento negativo di 1,4 milioni di euro rispetto al dato 2016, riconducibile ad un risultato operativo inferiore solo in parte controbilanciato da un minor valore degli ammortamenti e da una significativa riduzione degli oneri finanziari frutto dell’emissione a novembre 2016 di nuovi prestiti obbligazionari a condizioni finanziarie favorevoli rispetto al preesistente debito. Il risultato netto è positivo 2,2 milioni di euro, in miglioramento del 38,9% rispetto ai 1,6 milioni di euro del pari periodo 2016.

L’indebitamento finanziario netto al 31 marzo 2017 è pari a 494,5 milioni di euro, a fronte di 480,9 milioni di euro al 31 dicembre 2016.

 

Nel mese di aprile – La raccolta complessiva di Snaitech nel mese di aprile è risultata pari 913 milioni di euro, in crescita di circa il 2% rispetto  al mese di aprile 2016 (895 milioni di euro). L’incremento è in gran parte determinato dai volumi di gioco del segmento online, nel quale le scommesse ed i giochi a distanza hanno registrato una raccolta rispettivamente di circa 37 milioni di euro (+41% rispetto a aprile 2016) e di circa 90 milioni di euro (+25% rispetto ad aprile 2016). Si segnala infine un’inversione di tendenza nei livelli di payout delle scommesse sportive, risultato ad aprile inferiore di circa 3 punti percentuali a quello dello stesso mese del 2016.

 

 

PressGiochi

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN