20 maggio 2019
ore 19:13
Home Hot2 Riordino giochi. Baretta: “L’accordo fornirà un quadro nazionale unico”

Riordino giochi. Baretta: “L’accordo fornirà un quadro nazionale unico”

SHARE
Riordino giochi. Baretta: “L’accordo fornirà un quadro nazionale unico”
“Il raggiungimento dell’intesa in Conferenza unificata sulla riforma del settore del gioco è un risultato importante per tutti. È il frutto di un lungo, incessante, ma proficuo e costruttivo lavoro di dialogo e mediazione tra Governo, Regioni, enti locali e società civile.
Abbiamo tenacemente perseguito l’intesa, nonostante in più circostanze poteva sembrare che mancassero le condizioni.
Ma proprio l’unanimità di intenti che abbiamo raggiunto rappresenta la grande forza di questo accordo, capace di riportare a un alveo di normalità un settore che rischiava una pericolosa deriva.
Si tratta del primo significativo tassello di una strategia complessiva di riforma del settore che sancisce una vera inversione di tendenza.
La tutela della salute e la sicurezza pubblica ed il contrasto alla illegalità sono da oggi un obiettivo generale del Paese.
Ripartiamo da un accordo che fornisce un quadro nazionale unico, che rispetta le autonomie locali, che contribuisce a ridurre l’offerta, che tutela i cittadini e gli investimenti esistenti e garantisce certezze di prospettiva ad un settore che da molto tempo attendeva nuove regole”.
Lo ha dichiarato il sottosegretario Baretta a conclusione dell’accordo concluso in Conferenza unificata dopo circa tre ore di discussione.

“Il dimezzamento in tre anni dei punti gioco sarà – ha chiarito il sottosegretario –  il punto di arrivo, poi la dislocazione in Italia la discuteremo in questi tre anni con le Regioni. Come sempre – ha aggiunto – le intese sono un risultato di mediazione: il Governo riconosce l’autonomia agli enti locali nel definire la dislocazione dei punti gioco, ma la riduzione per arrivare in tre anni al dimezzamento dei punti gioco è il punto a cui ci si attesta e questo dato dovrà essere garantito. Quindi i punti gioco devono essere aperti e operare. Abbiamo insistito con le Regioni che la dislocazione sia equilibrata: non si possono avere città dove i punti gioco sono riuniti solo in alcune zone, magari in periferia”.

“L’emendamento proposto da Bolzano e approvato – spiega poi – riguarda il capitolo salute dei cittadini e dice che le Regioni che hanno leggi che prevedono una maggior tutela della salute pubblica le manterranno in vigore e che le Regioni che vogliono aumentare la tutela possono farlo con successive leggi”.

Quanto a una ipotizzabile riduzione del gettito per l’erario, Baretta dice: “Sì, sicuramente ci sarà nell’operazione complessiva, ma la linea politica che abbiamo scelto è di tutelare prima di tutto la salute dei cittadini”.

PressGiochi
banner

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN