26 marzo 2019
ore 14:21
Home Casinò Riciclaggio di denaro e registri condivisi: l’UE chiede ai casinò di essere più vigili sulle transazioni sospette

Riciclaggio di denaro e registri condivisi: l’UE chiede ai casinò di essere più vigili sulle transazioni sospette

SHARE

Si definiscono obblighi di collaborazione attiva e passiva. Sono tutti quegli obblighi inseriti all’interno della politica europea sull’antiriciclaggio che impone a soggetti privati finanziari e non, come avvocati, banchieri, intermediati finanziari, commercianti di oro, cose antiche e gestori di case da gioco di verificare l’identità dei propri clienti, registrare le operazioni oltre la soglia del limite all’uso del contante e segnalare quelle sospette.

Il Parlamento europeo sta lavorando in questi mesi alla nuova direttiva antiriciclaggio, e sia il Consigliio che il Pe sono concordi nell’utilizzo di registri di proprietà condivisi tra i Paesi Ue nei quali andrebbero inseriti i proprietari delle società e fossero accessibili a persone con interessi legittimi come investigatori e altri cittadini interessati, il tutto per ampliare la lotta al riciclaggio di denaro.

I regolatori sono concordi nel chiedere alle banche, revisori, avvocati, agenti immobiliari e casinò, tra gli altri, di essere più vigili su transazioni sospette effettuate dai loro clienti.
“Per anni, – ha affermato il relatore in Commissione problemi economici e monetari Krišjānis Kariņš (PPE) – i criminali in Europa hanno utilizzato l’anonimato delle imprese e conti offshore per nascondere i loro rapporti finanziari. La creazione di registri di proprietà effettiva contribuirà a sollevare il velo di segretezza di conti offshore e sarà di grande aiuto nella lotta contro il riciclaggio di denaro e l’evasione fiscale palese”.

PressGiochi

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN