14 novembre 2018
ore 19:08
Home Diritto Piemonte. Fiasco (Alea): “Nessun diritto di fare business per le imprese del gioco d’azzardo, parola della Consulta”

Piemonte. Fiasco (Alea): “Nessun diritto di fare business per le imprese del gioco d’azzardo, parola della Consulta”

"È stata diffusa oggi la notizia che a Torino una sezione del tribunale civile ha interrotto la procedura che impone a un esercente il pagamento della multa per violazione della Legge Regionale del Piemonte sulle distanze minime degli apparecchi automatici da gioco d'azzardo. Il giudice ha sospeso il procedimento e ha chiesto alla Corte Costituzionale di valutare se la normativa violi o meno il diritto alla libertà d'impresa. Il gestore di un locale aveva infatti mantenuto in funzione le slot machine a meno di 500 metri da scuole, chiese, ospedali e altri punti "intangibili". Ed era stato multato. Rimettiamo le cose in fila. Dal primo di gennaio di quest’anno - scrive il Prof. Maurizio Fiasco su Vita.it - i Comuni piemontesi applicano la Legge regionale, provvedendo con i loro servizi ispettivi e di polizia locale a ...
SHARE
Piemonte. Fiasco (Alea): “Nessun diritto di fare business per le imprese del gioco d’azzardo, parola della Consulta”

“È stata diffusa oggi la notizia che a Torino una sezione del tribunale civile ha interrotto la procedura che impone a un esercente il pagamento della multa per violazione della Legge Regionale del Piemonte sulle distanze minime degli apparecchi automatici da gioco d’azzardo. Il giudice ha sospeso il procedimento e ha chiesto alla Corte Costituzionale di valutare se la normativa violi o meno il diritto alla libertà d’impresa. Il gestore di un locale aveva infatti mantenuto in funzione le slot machine a meno di 500 metri da scuole, chiese, ospedali e altri punti “intangibili”. Ed era stato multato.

Rimettiamo le cose in fila. Dal primo di gennaio di quest’anno – scrive il Prof. Maurizio Fiasco su Vita.it – i Comuni piemontesi applicano la Legge regionale, provvedendo con i loro servizi ispettivi e di polizia locale a comminare le sanzioni a chi prosegua a far giocare d’azzardo laddove è divenuto proibito.

Gli spazi dove si accendono i display e risuonano i jingle delle slot machine si sono fortemente diradati, fino al punto che nei comuni più piccoli non ce ne sono affatto.

Quell’esercente che non aveva ottemperato alle limitazioni, e perciò era stato multato, si era opposto al pagamento in Tribunale. Sperando ovviamente che dal Palazzo della Consulta i giudici facciano decadere quel che la Regione Piemonte aveva deliberato oltre cinque anni fa. Fiducia molto labile, praticamente infondata, come saprà sostenere l’avvocatura della Regione.

La questione di legittimità, per l’ipotizzata violazione della “libertà d’impresa” con norme speciali rigide, venne risolta fin dal 1975 dalla stessa Corte Costituzionale. Con la sentenza 30 ottobre 1975, n. 237, Presidente Bonifacio – Estensore Amadei, affermò infatti che “non contrastano con l’autonomia e l’iniziativa economica privata quei limiti che a queste la legge ponga in funzione della utilità sociale e per impedire che possa derivarne danno alla sicurezza, alla libertà e alla dignità umana, elementi con i quali mali si concilia, per gli aspetti che gli sono propri, il giuoco d’azzardo”. Insomma, la Corte escluse oltre quarant’anni fa che l’azienda che esercita la vendita del gioco d’azzardo possa appellarsi al diritto di fare business riconosciuto nella Carta del 1948″.

 

A questo punto, diciamo noi, caro Prof. Fiasco, dobbiamo constatare che dal ’75 ad oggi nella giurisprudenza domestica la dottrina in materia di giochi pubblici è stata piuttosto ondivaga e sulla questione sono stati espressi giudizi, sia dal giudice amministrativo che civile, contrastanti. La Corte Costituzionale, dalla sua, nelle rare volte che ha avuto occasione di esprimersi, ha dato la priorità alla tutela della salute pubblica rispetto alla libertà di iniziativa economica in virtu dell’eventuale ‘danno alla sicurezza, alla libertà e alla dignità umana’ che può derivare dal gioco d’azzardo.

Tuttavia, non credo che questo possa bastare per dedurre, sic et sempliciter, quanto lei afferma. Ci chiediamo, quindi: basta una sentenza del ’75 per affermare che per le imprese del gioco lecito non vale il diritto della libertà d’impresa? E, in quale passo della Carta Costituzionale potremmo ritrovare questa affermazione?

Libertà d’impresa, che a nostro parere vale a pieno titolo per le imprese del gaming, e sulla quale si è espressa approfonditamente anche la Corte di Giustizia dell’Unione europea. Tornando alle sue parole…

 

“E’ difficile immaginare che nel XXI  secolo – prosegue il prof. Fiasco –  il supremo organo di garanzia, nella sua attuale composizione, non confermi il dispositivo di quella sentenza. E non offra a sua volta alla Repubblica un altro “esempio di scuola”, qual venne da uno dei padri della Repubblica, Leonetto Amadei, e da uno dei migliori ministri della Giustizia (Francesco Paolo Bonifacio) che l’Italia abbia mai avuto nella sua storia.

Parimente è molto dubbio che, dal canto suo, la Regione Piemonte non mantenga la determinazione a difendere l’interesse pubblico alla sicurezza, alla libertà e alla dignità umana. E questo in una stagione nella quale, finalmente, le ragioni della salute dei cittadini sembrano anteporsi al fine di lucro perseguito dall’impresa di gioco d’azzardo.

 

Continuando a commentare le sue parole, pur essendo convinti del fatto che la Regione Piemonte possa e debba cambiare idea, perché in questo caso come in altri la soluzione non si troverà né nel divieto totale né nell’anarchia, condividiamo con Lei la necessità di mettere sempre al primo posto la tutela della salute rispetto al fine di lucro. Portroppo, però, iniziamo a dubitare che sia arrivata la stagione (specie quella politica) nella quale questa priorità verrà premiata.

 

PressGiochi

banner

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN