18 ottobre 2018
ore 03:16
Home Mercato Pascual (Ad Codere): “Mi chiedo se l’Italia sia ancora un Paese sul quale investire”

Pascual (Ad Codere): “Mi chiedo se l’Italia sia ancora un Paese sul quale investire”

SHARE
Pascual (Ad Codere): “Mi chiedo se l’Italia sia ancora un Paese sul quale investire”

“La mancanza di chiarezza in termini di competenza sui territori ha impedito la realizzazione dei bandi di gara e di nuovi investimenti. Abbiamo dovuto riscrivere i piani industriali per tenere in piedi le nostre attività che occupano migliaia di persone”.

“La domanda che ci facciamo – ha affermato Alejandro Pascual, AD di Codere –  è se l’Italia sia ancora un Paese dove investire e quali strumenti ci verranno forniti per portare avanti la nostra attività senza un quadro regolatorio chiaro. Serve un tavolo di confronto con le istituzioni per portare avanti una attività realizzata per conto dello Stato che abbia una sicurezza sia per gli investitori, che per i dipendenti e per i giocatori”.

PressGiochi

 

 

SGI. Zapponini: “La riforma del settore deve partire dalla distinzione tra gioco legale e illegale”

 

Kessler (ADM): “Dalla ricerca dell’ISS sappiamo che 1,5 mln di giocatori sono problematici, si gioca a slot machine, Vlt e scommesse”

Maggi (SGI): “Contro divieto alla pubblicità inviati a Di Maio 11 indirizzi di intervento”

Pucci (Astro): “Il distanziometro ha funzionato perfettamente nel far chiudere le aziende”

Parlati (Acmi): “Il settore ha subito danni enormi a causa di ignoranza e pregiudizio”

 

Razzante (AIRA): “Il gioco d’azzardo è legale e regolamentato”

Pascual (Ad Codere): “Mi chiedo se l’Italia sia ancora un Paese sul quale investire”

 

 

banner

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN