14 novembre 2018
ore 19:06
Home Cronaca Orvieto. Il vicesindaco Croce: “Costante attenzione del comune al contrasto al gioco d’azzardo patologico”

Orvieto. Il vicesindaco Croce: “Costante attenzione del comune al contrasto al gioco d’azzardo patologico”

SHARE
Orvieto. Il vicesindaco Croce: “Costante attenzione del comune al contrasto al gioco d’azzardo patologico”

Alcuni comuni umbri hanno ricevuto, durante la fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili “fa la cosa giusta” che si è tenuta nei giorni scorsi a Bastia Umbra, il marchio “NO-SLOT”.  Per Orvieto era presente il vice-sindaco e assessore alle politiche sociali Cristina Croce.  Il marchio è stato fortemente voluto dalla Regione Umbria per segnalare quegli esercizi commerciali liberi da apparecchi per il gioco d’azzardo.

Ora i sindaci dei comuni coinvolti consegneranno la speciale vetrofania a quei locali che hanno deciso di non installare o che rimuovono apparecchi da gioco. “Un ulteriore passo avanti, dopo l’approvazione della Legge Regionale di contrasto al gioco d’azzardo e la campagna di sensibilizzazione attuata dal Comune di Orvieto: il marchio ‘No Slot’ rappresenta, appunto, il simbolo di un’azione costante che l’amministrazione comunale, grazie anche alla convinzione e al sostegno trasversale di tutte le forze politiche presenti in consiglio comunale, ha rivolto alla prevenzione e al contrasto al gioco d’azzardo patologico, attraverso una capillare informazione e sensibilizzazione dei cittadini, giovani e adulti, sui rischi legati a questa nuova ‘dipendenza’, purtroppo in crescita” afferma l’assessore Cristina Croce.

“Questo marchio valorizza non solo i principi etici che il Comune persegue quale istituzione più vicina ai cittadini, ma sta a significare anche l’impegno costante a cui sono chiamati quotidianamente i singoli concittadini e le attività imprenditoriali nell’azione di contrasto alle ludopatie.

Già da diverse settimane, infatti, in tutti i Comuni della Zona Sociale 12 – aggiunge – sono stati distribuiti i materiali informativi predisposti dalla Regione Umbria, finalizzati a far conoscere i rischi correlati all’abuso del gioco d’azzardo e le possibilità di prevenzione ed intervento messe in campo dai servizi specialistici dell’Asl di riferimento.

Ai Comuni spetta il compito di incentivare la disinstallazione degli apparecchi attraverso agevolazioni fiscali, ma anche e soprattutto avviare una campagna di sensibilizzazione contro la diffusione del gioco d’azzardo al fine di costituire un circolo virtuoso tra i soggetti che vi aderiscono e di consentire ai cittadini, attraverso il marchio ‘Umbria no slot’, di riconoscere e scegliere un esercizio libero dagli apparecchi per il gioco d’azzardo lecito”.

“Proprio in questi giorni – conclude l’assessore Croce – stiamo programmando un incontro con le associazioni di categoria per illustrare le finalità della campagna informativa e le modalità di rilascio del marchio ‘Umbria no Slot’ da parte del Comune agli esercizi, affinché tale azione sia quanto più partecipata ed efficace”.

 

 

PressGiochi

banner

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN