23 aprile 2019
ore 11:04
Home hot1 Gioco online. Liquidità condivisa: Italia e Spagna ancora indietro

Gioco online. Liquidità condivisa: Italia e Spagna ancora indietro

Francia, Portogallo, Danimarca e Regno Unito stanno modernizzando i propri regolamenti sul gioco online per introdurre la liquidità condivisa come stimolo alla crescita del settore, mentre Spagna e Italia sono ancora molto indietro. Il Portogallo la scorsa settimana ha ufficializzato la nuova legge sull’online per l’apertura delle licenze confermando la possibilità di utilizzare la liquidità condivisa per permettere l’accesso al gioco anche cittadini di altri Stati membri. Anche la Francia sta riflettendo sull’attuazione di questa possibilità, tanto che si sta studiando un emendamento da inserire nel progetto di legge sull’agenda digitale. Spagna e Italia rimangono indietro. In Spagna, il gioco online ha perso circa due milioni di fatturato nel primo trimestre del 2015 con 17,6 milioni di euro. Le cifre presentate dalla Direzione generale del gioco indicano che il settore online spagnolo non è in crescita, come previsto dallo stesso Ministero.
SHARE
Gioco online. Liquidità condivisa: Italia e Spagna ancora indietro

Francia, Portogallo, Danimarca e Regno Unito stanno modernizzando i propri regolamenti sul gioco online per introdurre la liquidità condivisa come stimolo alla crescita del settore, mentre Spagna e Italia sono ancora molto indietro.

Il Portogallo la scorsa settimana ha ufficializzato la nuova legge sull’online per l’apertura delle licenze confermando la possibilità di utilizzare la liquidità condivisa per permettere l’accesso al gioco anche cittadini di altri Stati membri. Anche la Francia sta riflettendo sull’attuazione di questa possibilità, tanto che si sta studiando un emendamento da inserire nel progetto di legge sull’agenda digitale.

Spagna e Italia rimangono indietro.

In Spagna, il gioco online ha perso circa due milioni di fatturato nel primo trimestre del 2015 con 17,6 milioni di euro. Le cifre presentate dalla Direzione generale del gioco indicano che il settore online spagnolo non è in crescita, come previsto dallo stesso Ministero. Nel 2014 i proventi del settore online sono stati 19,4 milioni di euro rispetto ai 17,6 del primo trimestre del 2015, per questo da più parti si suggerisce la possibilità di adottare la liquidità condivisa come soluzione per espandere il mercato verso i Paesi vicini.

Anche in Italia questa possibilità è richiesta a gran voce dai giocatori soprattutto di betting Exchange che negli ultimi mesi hanno addirittura aperto una fanpage, dedicata esclusivamente all’argomento.

Sacha Michaud, presidente di Jdigital, l’associazione spagnola per il gioco online ha riproposto in questi giorni la possibilità di incrementare il business del gioco online spagnolo introducendo questa possibilità. “Si spera – ha dichiarato Michaud – che le politiche portoghesi possano influenzare positivamente i regolatori di Madrid. La liquidità internazionale rappresenta un fattore chiave per la crescita del settore del gioco online sia in Spagna che in altri Paesi, per questo va sostenuta e favorita. Solo con questa proposta si potrebbe invertire il crollo dei ricavi del poker online vissuto in Spagna in seguito all’introduzione della regolamentazione del comparto”.

PressGiochi

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN