17 ottobre 2018
ore 07:49
Home Diritto Distanziometro. Palazzo Spada: “Legge resta anche se il gioco viene messo al bando”

Distanziometro. Palazzo Spada: “Legge resta anche se il gioco viene messo al bando”

“Nella comparazione degli opposti interessi prevale quello di tutela della salute pubblica e di prevenzione della ludopatia, senza che possa assumere rilievo ostativo, a fronte della pregnanza degli interessi pubblici tutelati, la circostanza che, per rispettare la distanza dai luoghi sensibili, il ricorrente sia costretto a spostarsi in una zona periferica del territorio comunale”. Lo afferma il Consiglio di Stato respingendo l’appello di un operatore del comune di Comune di San Mauro Pascoli ricorso contro la legge regionale delle distanze...
SHARE
Distanziometro. Palazzo Spada: “Legge resta anche se il gioco viene messo al bando”

“Nella comparazione degli opposti interessi prevale quello di tutela della salute pubblica e di prevenzione della ludopatia, senza che possa assumere rilievo ostativo, a fronte della pregnanza degli interessi pubblici tutelati, la circostanza che, per rispettare la distanza dai luoghi sensibili, il ricorrente sia costretto a spostarsi in una zona periferica del territorio comunale”.

Lo afferma il Consiglio di Stato respingendo l’appello di un operatore del comune di Comune di San Mauro Pascoli ricorso contro la legge regionale delle distanze.

Palazzo Spada tuttavia afferma che “l’ipotizzata inesistenza di spazi praticabili o appetibili per una diversa localizzazione della sala giochi di cui è stata ingiunta la chiusura perché ubicata a meno di 500 metri di distanza da luoghi sensibili non può condurre al paradosso della negazione del precetto di legge”.

PressGiochi

 

banner

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN