24 maggio 2019
ore 04:01
Home Associazioni Controlli fiscali: il 31/12/2014 scade il termine per le notifiche degli accertamenti relativi al 2009

Controlli fiscali: il 31/12/2014 scade il termine per le notifiche degli accertamenti relativi al 2009

SHARE

Ai fini delle imposte sui redditi e dell’IVA,- fa sapere Marco Minoccheri, consulente fiscale Astro – gli avvisi di accertamento e le rettifiche devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del 4° anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione oppure, nei casi di nullità o di omessa presentazione della dichiarazione, del 5° anno successivo a quello in cui la dichiarazione avrebbe dovuto essere presentata.

Pertanto, il prossimo 31 dicembre, l’Amministrazione finanziaria decadrà dall’azione accertatrice in relazione ai periodi d’imposta 2009 e 2008, salvo l’operatività dell’istituto del raddoppio dei termini per l’accertamento in presenza di violazioni comportanti l’obbligo di denuncia ex art. 331 c.p.

Pertanto il prossimo 31 dicembre 2014 l’Amministrazione Finanziaria decadrà dall’azione di accertamento ai fini delle imposte dirette e dell’IVA in relazione ai periodi d’imposta 2009 e 2008, salvo l’operatività del raddoppio dei termini decadenziali nel caso di violazioni comportanti l’obbligo di denuncia ai sensi dell’art. 331 del codice di procedura penale.

Piu specificatamente ai fini delle imposte sui redditi (irpef, ires, irap) ai sensi dell’articolo 43 del D.P.R. n. 600 del 1973, gli avvisi di accertamento devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del 4° anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione e del 5° anno successivo a quello in cui la dichiarazione avrebbe dovuto essere presentata, nei casi di nullità o di omessa presentazione della dichiarazione.

Ed ai fini iva ai sensi dell’articolo 57 del T.U. sull’IVA, invece, gli avvisi relativi alle rettifiche e agli accertamenti previsti nell’artt. 54 e 55, secondo comma, devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del 4° anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione.

Mentre in caso di omessa presentazione della dichiarazione, l’avviso di accertamento dell’imposta può essere notificato fino al 31 dicembre del 5° anno successivo a quello in cui la dichiarazione avrebbe dovuto essere presentata.

Tuttavia la mancata notifica nei termini non determina automaticamente la nullità dell’avviso d’accertamento: l’eventuale atto tardivo è annullabile dal giudice tributario ma solo se il contribuente eccepisce la decadenza. Occorre, cioè, che la violazione del termine decadenziale sia debitamente sollevata dal contribuente nel ricorso. In caso contrario, il giudice non potrà accertarla e dichiararla. In sostanza, quindi, in assenza di ricorso, l’atto rimane pienamente efficace e quindi la pretesa legittima.

Invece in caso di violazioni che comportano un obbligo di denuncia ex art. 331 c.p.p., per uno dei reati tributari di cui al D.Lgs. n. 74 del 2000, i termini ordinari per l’accertamento raddoppiano relativamente al periodo d’imposta in cui è stata commessa la violazione.

Ne deriva che l’Ufficio è ammesso a notificare l’accertamento entro il 31 Dicembre dell’8° anno successivo a quello in cui è stata presentata la Dichiarazione e del 10° anno successivo a quello in cui avrebbe dovuto essere presentata la dichiarazione, nel caso di dichiarazione omessa o nulla.

PressGiochi

banner

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN