20 maggio 2019
ore 19:06
Home hot1 Conferenza unificata: deciso l’avvio di un tavolo tecnico per affrontare la questione dei giochi

Conferenza unificata: deciso l’avvio di un tavolo tecnico per affrontare la questione dei giochi

Il dialogo tra governo ed Enti locali sulla riorganizzazione del settore dei giochi si è formalmente avviato, come previsto dalla legge di Stabilità, quest’oggi in Conferenza unificata anticipata alle ore 13,00. Si è trattato di un incontro interlocutorio nel quale le Regioni hanno chiesto l’avvio di un tavolo tecnico per discutere le tematiche principali dell’argomento. Nell’occasione non è stato presentato alcun documento formale da parte del governo o dalle altre parti rappresentate, regioni e comuni. “Come governo – ha commentato il Sottosegretario Baretta - abbiamo dichiarato la disponibilità a discutere a partire dalla tutela della salute pubblica, dalla lotta alla illegalità, dalla valutazione delle conseguenze sulla finanza ...
SHARE
Conferenza unificata: deciso l’avvio di un tavolo tecnico per affrontare la questione dei giochi

Il dialogo tra governo ed Enti locali sulla riorganizzazione del settore dei giochi si è formalmente avviato, come previsto dalla legge di Stabilità, quest’oggi in Conferenza unificata anticipata alle ore 13,00.

Si è trattato di un incontro interlocutorio nel quale le Regioni hanno chiesto l’avvio di un tavolo tecnico per discutere le tematiche principali dell’argomento. Nell’occasione non è stato presentato alcun documento formale da parte del governo o dalle altre parti rappresentate, regioni e comuni.

“Come governo – ha commentato il Sottosegretario PierPaolo Baretta – abbiamo dichiarato la disponibilità a discutere a partire dalla tutela della salute pubblica, dalla lotta alla illegalità, dalla valutazione delle conseguenze sulla finanza pubblica. Su richiesta degli Enti locali si terrà a breve un tavolo tecnico dal quale, mi auguro, emerga una intesa in tempi brevi”.

“La questione dei giochi va affrontata in maniera seria – ha commentato il ministro agli affari regionali Enrico Costa – con una analisi dei costi sociali connessi al fenomeno. Poi si vedrà più avanti”. Per il ministro per gli Affari regionali e la famiglia, Enrico Costa “è evidente la contraddizione tra uno Stato che con una mano combatte il gioco d’azzardo e con l’altra introita 8,7 miliardi”. “Il gioco d’azzardo colpisce chi è già debole e tante famiglie. Da ministro della famiglia – ha proseguito Costa – non voglio arrendermi all’idea che prevalgano valutazioni esclusivamente economiche. I numeri non tengono conto dei pesanti costi sociali determinati da questo fenomeno. Mi impegno a calcolarli e a entrare nel merito del problema nell’interesse delle famiglie. E’ una questione che va affrontata con grande attenzione”.

 

Il coordinatore della Commissione affari finanziari della conferenza delle regioni, Massimo Garavaglia, assessore al bilancio della Regione Lombardia ha spiegato che è stata rinviata la discussione in quanto “Non è arrivato il documento del Governo e dunque non possiamo esprimere un parere. Quando arriverà quel testo, faremo le nostre valutazioni; la data per prevedere una intesa non dipende da noi: serve un testo sul quale ragionare”.

 

“Abbiamo chiesto il rinvio di questo punto per ottenere il miglior risultato possibile. Alcune Regioni hanno ottime leggi, come l’Emilia Romagna, la prima in Italia a dotarsi di una legge in materia”. Così il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, al termine della Conferenza Unificata. “Oggi abbiamo capito che il Governo su questo tema è molto sensibile: attiene da un lato una questione sociale, dall’altro sanitaria, dall’altro ancora di sicurezza e ordine pubblico. Bisogna lavorare perché ci sia il massimo di sensibilizzazione e di garanzie possibile. Il lavoro sta procedendo, confidiamo entro breve di raggiungere un accordo pieno”, ha concluso Bonaccini.
L’intesa sui giochi “deve arrivare il più presto possibile, l’importante era incardinare la materia nella sede ufficiale, ora ci sono tutte le condizioni per entrare nel merito, sono fiducioso”. Il sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta, ha affermato: “Mi auguro che il più presto possibile si inizi a lavorare. E’ interesse di tutti fare il più presto possibile, a inizio estate deve essere tutto chiuso. Intanto iniziamo il confronto. Bisogna partire dalla tutela alla salute e alla lotta all’illegalità, tenendo conto anche delle conseguenze sulla finanza pubblica. Dobbiamo quindi, sulla base di quanto la Legge di Stabilità di chiede di fare, arrivare ad una intesa. Il Governo è disponibile a discutere a partire dalle posizioni che gli enti locali pongono visto che loro hanno deliberato molto in questi mesi”, ha proseguito Baretta.

“Il documento di sintesi – ha detto infine Baretta – è bene che sia condiviso; gli enti locali hanno chiesto un tavolo tecnico per approfondire, io mi sono detto disponibile”.

 

“Sono molti i comuni che hanno emanato regolamenti ad hoc sul gioco d’azzardo, in assenza di una normativa nazionale. Comuni, Regioni e Governo – ha commentato il presidente del Consiglio nazionale dell’Anci e sindaco di Catania, Enzo Bianco – stiamo lavorando insieme per arrivare ad una regolamentazione quadro su questo specifico argomento. Faremo un approfondimento specifico per arrivare ad una regolamentazione che tenga conto delle esperienze maturate dagli enti locali”.

PressGiochi

 

Conferenza Stato Regioni. Astro: si confida su una trattativa basata su dati veri

banner

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN