22 maggio 2019
ore 03:16
Home In evidenza Codere mantiene la propria redditività grazie a Messico e Spagna

Codere mantiene la propria redditività grazie a Messico e Spagna

SHARE
Codere mantiene la propria redditività grazie a Messico e Spagna

Codere, azienda internazionale leader nel settore del gioco privato, ha annunciato oggi i risultati per il primo trimestre dell’anno, approvati ieri dal Consiglio di Amministrazione, e che mostrano il mantenimento della redditività grazie alle performance di paesi come il Messico e la Spagna e il crescente contributo del business online. La società ha ottenuto in questo periodo ricavi operativi per 357,7 milioni di euro, il 6,7% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente a causa del calo di 42 milioni di euro registrato in Argentina e dovuto al deprezzamento del peso nei confronti dell’euro. Detto calo è stato in buona parte compensato dalla positiva evoluzione del business in Messico (+7,1 milioni di euro), dall’attività online (+6,1 milioni di euro) e dalla crescita in Spagna (+3,7 milioni di euro).

 

Codere ha così conseguito un margine operativo lordo (EBITDA normalizzato) di 68 milioni di euro, rispetto ai 67,9 milioni del primo trimestre del 2018, con un incremento di 1,3 punti nel margine, che raggiunge il 19%. Il risultato netto del periodo riporta una perdita di 3,6 milioni di euro, dovuta al cambiamento intervenuto nei principi contabili (nuova regola sul trattamento dei canoni di locazione, che si applica dal 1°gennaio 2019, e l’applicazione del criterio di iperinflazione argentina secondo la norma corrispondente, che la società applica dal terzo trimestre del 2018). Applicando le norme contabili in vigore lo scorso anno, e per facilitare la comparabilità, la società avrebbe ottenuto un risultato netto positivo di 2 milioni di euro, rispetto a 0,8 milioni del primo trimestre del 2018.

I costi operativi in questo trimestre sono diminuiti del 7,3% fino a 271,8 milioni di euro, principalmente come conseguenza della riduzione dei costi in Argentina, a causa della svalutazione della valuta. Le spese non ricorrenti sono state pari a 3 milioni di euro, significativamente inferiori agli 11,9 milioni del primo trimestre del 2018.

Il direttore generale di Codere, Vicente Di Loreto, ha messo in luce questi risultati sottolineando le modifiche intraprese negli ultimi mesi all’interno dell’organizzazione. “I dati riflettono, ancora una volta, l’impatto dei miglioramenti operativi e di efficienza implementati, e la forza dell’azienda in un contesto avverso in termini di aumento della tassazione, soprattutto in Argentina e in Italia, e a causa della svalutazione delle valute dell’America Latina” ha segnalato.

 

In termini di capacità installata, le macchine sono cresciute dello 0,3%, raggiungendo 56.764 unità. Il numero di sale da gioco è rimasto invariato a 148; mentre i punti vendita per le scommesse sportive sono passate da 443 a 478 e il numero di esercizi è rimasto stabile a circa 10.000.

 

Italia – In Italia i ricavi operativi nel primo trimestre del 2019 sono aumentati di € 1,1 mm (+1,3%) rispetto al primo trimestre del 2018 come risultato del significativo miglioramento dei rendimenti unitari AWP (24,0%), e della maggiore imposta PREU (che aumenta la quota detenuta dalle macchine nei bar). L’aumento delle commissioni per le unità collegate alla nostra rete ha anche contribuito positivamente a mantenere le entrate.
• Le spese operative sono diminuite del 3,9% nel primo trimestre 2019 a € 79,8 mm rispetto al primo trimestre 2018, a causa di minori affitti e costi del personale compensati da maggiori imposte sul gioco.
• L’EBITDA rettificato è stato di € 4,7 mm nel primo trimestre 2019, il 23,9% in meno rispetto al primo trimestre del 2018 a causa della riduzione della capacità e delle tasse di gioco più elevate. Il margine EBITDA rettificato è stato inferiore di 1,8 punti percentuali al 5,5%.

Il parco macchine è composto da 7.341 Awp e 1.478 Vlt che ricavano un incasso medio giornaliero, al netto delle vincite, rispettivamente di 90 e 200 euro.

 

Messico e Spagna, mercati chiave per il 2019

La buona performance di Messico e Spagna ha permesso alla società di mantenere la propria redditività nel primo trimestre dell’anno. In Messico, i ricavi dei primi mesi dell’anno sono aumentati del 9,3% rispetto al primo trimestre del 2018, trainati dalla crescita del 10,3% del numero medio di macchine e dalla favorevole evoluzione del tasso di cambio (5,4% di deprezzamento dell’euro rispetto al peso messicano).

 

Per quanto riguarda la Spagna, i proventi operativi del primo trimestre del 2019 sono cresciuti di
3,7 milioni di euro (8,2%) rispetto al primo trimestre del 2018, spinti dalla crescente raccolta nelle scommesse sportive terrestri e nel settore delle macchine con il 26,1% e il 6,8% in più di unità installate.

 

PressGiochi

banner

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN