23 agosto 2017
ore 23:22
Home Associazioni Ciocca (LN): “Nel gioco l’unica azione vincente è la consapevolezza”

Ciocca (LN): “Nel gioco l’unica azione vincente è la consapevolezza”

SHARE
Ciocca (LN): “Nel gioco l’unica azione vincente è la consapevolezza”

Cirio (PPE): “Sul gioco con le privazioni non si va da nessuna parte”

Angelo Ciocca, Europarlamentare della Lega Nord, è intervenuto durante il convegno di oggi a Milano dal titolo ‘Gioco in Italia, un settore a confronto” organizzato dall’Associazione del gestori del gioco Astro.

 

“Non è vero che le Regioni non sono utili ad intervenire sulla questione – ha commentato-. In Liguria il presidente Toti ha avuto la capacità di leggere e fermare tutto. Io vengo da Pavia, il luogo in cui è più sviluppato il gioco. Tutto ciò è successo perché lo Stato è rimasto fermo,  indifferente, prendendo solo i soldi dei gestori.  Peggior legislatore è quello indifferente. La zavorra di un Paese è l’indifferenza. I gestori forniscono un servizio che viene chiesto e l’unica azione vincente è la consapevolezza. I gestori devono aiutare il legislatore a creare una cultura del gioco”.

 

 

In Europa le lobby più forti sono quelle del gioco online– ha concluso Ciocca -. Il vero pericolo sono i giganti dell’online”.

 

“Per molto tempo il sistema dell’offerta del gioco si è sviluppato in maniera esagerata. E c’e stata una colpevole e fallimentare gestione del settore da parte della politica – ha dichiarato l’on. Mariano Rabino -. Io sono per il principio di sussidiarietà però ci sono delle questioni su cui i sindaci sono le ultime persone che si devono pronunciare, come in questo caso. Oggi c’e una confusione generale e questa situazione è assolutamente illiberale. Ci vogliono poche regole chiare uguali x tutti su scala nazionale. Se invece non ci sono regole comuni si crea il pendolarismo del gioco.

In attesa di uno Stato che funzioni meglio io credo che noi possiamo fare un patto tra operatori pubblici e privati. Usciamo dell’ipocrisia. Fate una proposta realistica pragmatica. A quel punto lo Stato e i sindaci trovino una quadra per fare certezza. Poi serve una maggiore informazione sulla questione”.

 

 

Cirio (PPE): “Sul gioco con le privazioni non si va da nessuna parte”

Aronica (ADM): “Distanziometri non del tutto inutili, ma occorre riportare la domanda entro i limiti del divertimento”

Negro (Astro): “Prevenzione e un’offerta controllata sono gli strumenti per risolvere i problemi legati al gioco”

 

PressGiochi

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN