27 giugno 2019
ore 04:43
Home Cronaca Castellammare. Exodus 94 lancia allarme gioco d’azzardo

Castellammare. Exodus 94 lancia allarme gioco d’azzardo

SHARE
Castellammare. Exodus 94 lancia allarme gioco d’azzardo

I cittadini di Castellammare in un solo anno hanno speso circa 32 milioni di euro fra gratta e vinci, lotto, scommesse sportive e slot machine. Una cifra da capogiro che è stata diffusa ieri pomeriggio al Teatro Karol dall’associazione Exodus 94.

In un convegno organizzato con il sindaco Gaetano Cimmino e tante altre personalità, dal Procuratore Luigi Riello al vescovo della diocesi Sorrento – Castellammare Francesco Alfano, sono stati illustrati i rischi derivati dal gioco. Molte famiglie si sono ritrovate in grossa difficoltà economica proprio per i soldi gettati via nelle scommesse e soprattutto nelle slot. Un fenomeno che di fatto ha spianato la strada agli usurai, spesso veri e propri esponenti delle associazioni criminali, che provano a lucrare sulle disgrazie degli stabiesi. L’allarme è stato lanciato nel convegno di ieri pomeriggio, utile soprattutto per sensibilizzare la popolazione su tematiche importanti per il futuro e il presente della città di Castellammare.

Per combattere il gioco d’azzardo, il Comune, in compagnia dell’assessorato alle politiche sociali, ha lanciato alcuni progetti rivolti soprattutto ai più giovani. L’obiettivo è quello di allontanare gli stabiesi dal gioco e di conseguenza dagli usurai che sono sempre in agguato. Fra i diversi progetti, è partito quello denominato “I giocolieri del tempo” che affronta il problema delle ludopatie (dipendenze dal gioco d’azzardo) in maniera multidimensionale e multidisciplinare. Coinvolgerà tantissimi ragazzi delle scuole secondarie di primo e secondo grado che sono quelli più esposti a questo tipo di fenomeno.

PressGiochi

banner

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN