21 ottobre 2017
ore 06:39
Home Casinò Casinò di Saint Vincent. Savt : “Nonostante l’accordo nulla è cambiato”

Casinò di Saint Vincent. Savt : “Nonostante l’accordo nulla è cambiato”

SHARE
Casinò di Saint Vincent. Savt : “Nonostante l’accordo nulla è cambiato”

International iGaming Awards premiano le aziende, come Btobet, che investono in innovazione e tecnologia

“Un quadro preoccupante che rispecchia esattamente la situazione precedente alla sigla dell’accordo”. Il direttivo del Savt/Casinò si è riunito nei giorni scorsi per fare il punto della situazione a un mese di distanza dalla sigla dall’accordo sui tagli al costo del personale.

 

 

“Nulla è stato fatto o si sta facendo di concreto sotto l’aspetto riorganizzativo ma soprattutto nulla di nuovo si intravvede dal punto di vista dell’afflusso della clientela nelle sale da gioco, che sono sempre più desolatamente vuote!” spiega il sindacato in una nota. “Tolti alcuni exploit sporadici sempre più legati a degli avvenimenti specifici o a particolari periodi dell’anno, per il resto l’attività delle sale da gioco è troppo spesso deficitaria di clienti. La concentrazione dell’attività in alcune particolari situazioni a discapito di un continuo afflusso di clientela nel corso di tutta la settimana e di tutto l’anno può però rivelarsi molto pericolosa. Legare infatti i risultati aziendali sulla fortuna/sfortuna di pochi clienti, che possono sì perdere cifre importanti ma anche vincerle, metterebbe l’azienda in una situazione di forte rischio, considerato che non avrebbe il necessario “cuscinetto”, rappresentato da una clientela di massa, per ammortizzare tali vincite”.

 

 

Il sindacato si dice soddisfatto per la nomina di Santino Giusti e di Massimo Canepa rispettivamente per ricoprire il ruolo di Direttore dell’albergo e quello di Direttore del personale ma “perplesso” sulla scelta contrattuale fatta per il loro inquadramento. “Le perplessità derivano dal fatto che Giusti e Canepa, con formule diverse tra loro, per i primi 60 giorni avranno un inquadramento non alle dirette dipendenze dell’azienda e solo al termine di tale periodo si provvederà alla loro eventuale assunzione effettiva” spiega ancora il Savt ” Se questopuò  garantire la possibilità alle parti di mettere fine al rapporto professionale al termine di tale periodo senza eventuali contenziosi, allo stesso tempo il rischio è che questo lasso di tempo diventi un momento di “studio” e non di effettiva operatività, trasformandosi in una pericolosa perdita di tempo. E tempo da perdere non ce n’è!”

Il Savt chiede quindi che “l’azienda metta in atto al più presto azioni concrete che garantiscano quella necessaria inversione di tendenza tanto decantata”.

 

 

PressGiochi

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN