21 luglio 2019
ore 02:26
Home Hot2 Aumento del preu nel decreto anti-terrorismo. Anche il Senato respinge

Aumento del preu nel decreto anti-terrorismo. Anche il Senato respinge

Le Commissioni riunite del Senato hanno respinto ieri le proposte emendative presentate dai senatori pentastellati Enrico Cappelletti e Maurizio Buccarella per l’aumento del preu degli apparecchi da gioco. I 5 stelle avevano riproposto l’emendamento sul gioco alla Camera ma senza successo. Questa volta lo hanno presentato in occasione dell’esame del decreto ‘recante misure urgenti per il contrasto del terrorismo, anche di
SHARE
Aumento del preu nel decreto anti-terrorismo. Anche il Senato respinge

Le Commissioni riunite del Senato hanno respinto ieri le proposte emendative presentate dai senatori pentastellati Enrico Cappelletti e Maurizio Buccarella per l’aumento del preu degli apparecchi da gioco.

I 5 stelle avevano riproposto l’emendamento sul gioco alla Camera ma senza successo. Questa volta lo hanno presentato in occasione dell’esame del decreto ‘recante misure urgenti per il contrasto del terrorismo, anche di matrice internazionale’ al Senato proponendo che “ Per esigenze di contrasto alla criminalita` e sicurezza del territorio, anche al fine di consentire un rapido rafforzamento del contingente del comparto sicurezza, prima di procedere all’indizione di nuove prove concorsuali, ai fini delle assunzioni e immissione nei ruoli iniziali della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri e del Corpo della Guardia di finanza, si procede allo scorrimento delle graduatorie degli idonei debitamente approvate e relative ai concorsi espletati a partire dal 2011, ferme restando le assunzioni dei volontari in ferma prefissata quadriennale, ai sensi del comma 4, lettera b). Agli oneri derivanti dall’attuazione del presente comma, entro trenta giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della legge di conversione del presente decreto, il Ministro dell’economia e delle finanze – Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato e` autorizzato ad emanare, con propri decreti dirigenziali, disposizioni per modificare la misura del prelievo erariale unico attualmente applicato sui giochi ed eventuali addizionali, nonche´ la percentuale del compenso per le attivita` di gestione ovvero per quella dei punti vendita al fine di conseguire un corrispondente maggior gettito, a decorrere dall’anno 2015.’’».

Sia il Governo, che i relatori che le commissioni riunite hanno respinto la proposta stellata.

PressGiochi

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN